i punti di forza di CantinaJazz

CantinaJazz nasce nel 2000, fondato da Emiliano Loconsolo e Roberto Marangoni, a seguito di ricerche “semiserie” sugli apparentamenti tra le melodie jazz e i sapori e i profumi del vino. Un fondamentale contributo è arrivato dalla testimonianza diretta di diversi attori del panorama enologico e musicale italiano.

02 Cantinajazz1La formula di CantinaJazz è semplice ed efficace al tempo stesso: l’evento si struttura intorno ai vini da presentare, organizzati secondo l’idonea scaletta di grado alcolico/struttura: ciascun vino rappresenta un tempo diverso dello spettacolo. Il vino viene introdotto descrivendone prima gli aspetti tecnici (spesso tale descrizione è affidata a un sommelier professionista, della cantina o di associazioni di sommelier con cui CantinaJazz collabora), passando poi a una descrizione meno tecnica e più “romantica” dove si tratteggia la personalità del vino, spiegando quali ragioni hanno indotto i musicisti ad accostarlo ai brani che seguiranno. Il pubblico ascolta, degusta il vino (e spesso anche il cibo abbinato) e prova a catturare, con la propria sensibilità, gli accostamenti tra melodie di suoni e di sapori.

“Jazz is like wine. When it is new, it is only for the experts, but when it gets older, everybody wants it”

Steve Lacy

brochure CantinaJazz ha avuto subito successo: il vino e la musica hanno marcati tratti conviviali e la particolare formula di CantinaJazz permette loro di esaltarsi a vicenda. Grazie ad essa, CantinaJazz si mostra parimenti attraente per gli appassionati del buon bere e per gli affezionati al mondo del jazz, superando quei limiti che il locale ospite, magari orientato alla sola musica o al solo vino, può avere.

Il giudizio maturato da amministratori di cantine presenti alle serate è che CantinaJazz possiede la migliore formula per mettere il vino al centro delle attenzioni dello spettatore, costruendogli un piedistallo unico nel genere.

Program Navicelli 3 frontOgni realizzazione di CantinaJazz è il risultato di un coinvolgimento corale: produttori di vino, associazioni di sommelier, musicisti, cuochi, fornitori di prodotti tipici, enti locali sponsorizzanti, contribuiscono attivamente al risultato della rappresentazione, e, coinvolgendo i loro contatti ne determinano anche la riuscita in termini di partecipazione di pubblico.